Confermato il trend positivo del dipartimento di Fotografia con il suo miglior risultato di sempre

Record d'asta assoluti per Silvia Camporesi e Lisetta Carmi e record italiani di aggiudicazione anche per Arno Minkkinnen e Wolfgang Tillmans.

Lotto 43: SILVIA CAMPORESI - "Fantasmi #11 (la giostra)", 2011


Miglior risultato di sempre per il dipartimento di Fotografia di Finarte, con un fatturato di circa 280.000 €.

L’asta di Fotografia di Finarte ha visto un inizio dinamico, con una sala piena e attiva fin dai primi lotti. Ottimo risultato di Helmut Newton che aggiudica i lotti 1, 2 e 8 rispettivamente a 9.375, 5.000 e 5.250 € e dell’opera di Lisetta Carmi dalla serie I Travestiti che, con un’aggiudicazione di 2.500 €, fissa il record assoluto per la fotografa genovese.

La prima sessione pomeridiana entra nel vivo con i fotografi italiani: Mario Giacomelli (il bellissimo ritratto Mia madre al lotto 22 viene aggiudicato a 5.750 € partendo da una stima di 1.800-2.200 €), Massimo Vitali (entrambi i lotti in asta superano la stima massima) e, soprattutto Luigi Ghirri. Il maestro di Scandiano sembra la vera star della prima tornata con tutti e quattro i lotti aggiudicati che culminano con il lotto 34, Sabbioneta, venduto per 9.375 €. L’asta mantiene un ritmo molto alto con un altro record assoluto al lotto 43, il bel lavoro di Silvia Camporesi viene aggiudicato a 5.250 €, e due record italiani al lotto 40 con Minkkinen e al lotto 118 con Wolfgang Tillmans.  Altri autori stranieri che ottengono ottime aggiudicazioni sono Gregory Crewdson (lotto 44, 5.000 €), Sandy Skoglund (lotto 47, 4.375 €) e Nan Goldin. Di quest’ultima il lotto 193, dopo numerosi rilanci tra sala e telefoni, si assesta a 10.000 €, raddoppiando la stima di catalogo.

 

Nella sezione dedicata alla collezione Mario Trevisan, spicca il lotto 235 di Arnulf Rainer che, con una stima di 13.000 – 16.000 € viene addirittura venduto a 20.000 €.

Si segnalano inoltre alcune ottime aggiudicazioni di autori, mai battuti fino a questo momento in Italia, che evidenziano il tentativo di Finarte di penetrare un mercato internazionale: il poetico scatto Mains di Jaques-André Boiffard al lotto 210 viene venduto a 4.375 € e l’opera di Styrsky due lotti dopo a 6.500 €.

Tra gli italiani presenti nella seconda tornata buone performance per Mimmo Jodice (lotto 248, 6.000 €), Nino Migliori con l’iconico Tuffatore (lotto 221, sempre 6.000 €) e per la rara stampa 70 x 100 cm di Mario Giacomelli al lotto 241, venduta per 5.750 €.