Precedente / Successivo

Automotive: Finarte 2020 Selection + 1000 Finarte

da mercoledì 28 ottobre 2020 a venerdì 30 ottobre 2020 • Online

46

Porsche

924, 1985

Stima

€ 10.000 - 12.000

Lotto venduto

€ 11.647

I prezzi di vendita comprendono i diritti d'asta

Informazioni

telaio no. WPOZZZ92ZFN402952, motore no. 062846
  • Livrea realizzata da Stefano Adamo.
  • Esemplare unico.
  • Conservata.
  • Basso chilometraggio.
  • Collezione Saottini.

Certificati ed Attestati
Certificato di origine Porsche.
Documenti
Immatricolazione e targhe italiane in ordine. 
Eleggibilità
Porsche Parade.
Porsche Festival.
Tutti gli eventi Porsche club.

Provenienza

Il modello
La 924 è il frutto di un accordo tra Porsche e Volkswagen-Audi, che salvò la casa di Stoccarda dalla crisi finanziaria in cui si trovava negli anni '70. L’idea era di creare un modello che sostituisse la 914 e fosse in grado di entrare nel segmento delle auto sportive con motore due litri. La 924 fu un successo di vendita che sanò la crisi finanziaria della casa madre; infatti già nel 1978, dopo soli due anni dal lancio, il ritmo di produzione delle 924 era di 100 esemplari al giorno. Disegnata dall’olandese Harm Lagaay, con una linea molto essenziale e aerodinamica, aveva fari a scomparsa, paraurti in poliuretano e lunotto in vetro. Meccanicamente la 924 è la prima Porsche con il motore posizionato all'anteriore; il propulsore è un 4 cilindri con iniezione Bosch K-Jetronic di derivazione Audi-Vw (Vw EA 831),che eroga 125 cv. La 924 presenta il cosiddetto schema transaxle, con il motore in posizione anteriore e con il gruppo frizione-cambio e differenziale posizionati sul ponte posteriore; il cambio è manuale a 4 marce di derivazione Audi, affiancato nel 1977 da uno automatico, mentre il manuale 5 marce è disponibile come optional. Il sistema frenante è del tipo misto, con freni a disco all'anteriore e a tamburo al posteriore, che garantiscono una buona frenata grazie alla massa non eccessiva. Per rivestire l’abitacolo vengono scelti materiali semplici come il poliuretano morbido e la moquette, ma il grado di finitura degli interni è di livello superiore rispetto alle altre sportive dello stesso segmento; il baule, a cui si accede aprendo il lunotto posteriore, offre un piccolo spazio per i bagagli. Negli anni, la 924 subirà delle lievi modifiche; a richiesta, con l'opzione M471, si può avere un'auto con lo stesso telaio del modello Turbo. Vengono create versioni speciali: la Turbo nel 1978 e la S, presentata nel 1985. La produzione finale si attesta su 121.289 esemplari. Tra il 1980-’81 viene realizzata la massima evoluzione progettuale della 924 con 4 versioni a tiratura limitata: CARRERA GT, GTS, GTR e Le Mans GTP.
L’auto
La Porsche 924, telaio no.WP0ZZZ92ZFN402952, è stata realizzata nel 1985 ed ha avuto due proprietari; i chilometri segnati sono 67.444 Km ed è corredata di certificato di origine Porsche. Proviene dalle vetture scelte per la Collezione Saottini. In occasione di un evento a Desenzano del Garda incentrato sugli stili e le decadi di storia della casa di Stoccarda, l’auto è stata verniciata dall’artista italiano Stefano Adamo, autore di copertine e campagne di comunicazione per artisti del calibro di Coez, Massimo Pericolo, Frah Quintale e molti altri. Lo stile raffinato e a volte estremo di Adamo ha attirato l’attenzione di alcuni marchi di moda: nel corso del tempo ha firmato collaborazioni con marchi istituzionali come C.P. Company e Church’s, ma anche con brand giovani e accattivanti come Marcelo Burlon e MSGM. La verniciatura dell’auto è anche visibile su un video disponibile su Youtube. L'auto è un ottimo conservato e grazie a questa livrea realizzata a mano è un esemplare unico.
Stato dell’Arte
Conservata In ottimo stato.

Contatta il dipartimento

automotive@finarte.it 02 33638028 Scrivici su Whatsapp