Precedente / Successivo

Arte Africana | Opere dalla collezione svizzera di Walter Schwab

mercoledì 13 ottobre 2021 • Milano

42

DOGON, Mali, regione della falesia di Bandiagara

Stima

€ 4.000 - 5.000

Un utente ha offerto

La tua offerta è la più alta

Informazioni

h 30,5 cm
Figura ancestrale.
Legno duro ricoperto con patina oleosa nera a trasudazione continua.
Secondo la tradizione Dogon questa scultura rappresenta un personaggio mitologico, forse un Nommo: uno dei cinque esseri primordiali che possiedono entrambi i caratteri maschili e femminili e che, secondo la tradizione storica, sarebbero i capostipiti degli esseri umani.Lo stile arcaico di questa scultura la colloca tra le opere classiche realizzate dagli scultori Dogon. La figura è scolpita in uno stile che aggrega le varie parti del corpo con volumi geometrici disposti uno sull’altro. La testa oblunga, attraversata dal lungo naso in rilievo, è caratteristica di questo stile “cubista”. Le lunghe braccia ripiegate sulle mani sono in contrasto con la modesta lunghezza delle gambe. Sulla testa è infisso un ferro ricurvo che termina con un piccolo sonaglio. La base cilindrica che regge la scultura, secondo la mitologia Dogon, rappresenta la divinità Terra, il luogo nel quale vivono oggi gli esseri umani. Invece, il supporto rettangolare di legno è stato intagliato per alloggiarvi la scultura ad incastro: una tecnica di montaggio diffusa nelle gallerie francesi fin dagli inizi del ‘900.

PUBBLICAZIONI:
TAJAN ETUDE Arts Primitifs, Arts Précolombien: Collections Bitran & Paul Chadourne, Paris Hotel Drouot asta dell’ 8 Novembre 1996, lotto 60 (337);

Provenienza

Ex collezione Pierre Langlois, Parigi;
Ex collezione Albert Bitran (Francia);
Collezione privata

Note Specialistiche

Contatta il dipartimento

arteafricana@finarte.it 02 3363801 Scrivici su Whatsapp

Condition report

Per richiedere un condition report contattare arteafricana@finarte.it Il dipartimento fornirà un rapporto generale sullo stato del bene sopra descritto. Si ricorda però che quanto dichiarato da Finarte rispetto allo stato di conservazione dei beni corrisponde unicamente a un parere qualificato e che i nostri esperti non sono restauratori professionisti. Per una relazione dettagliata consigliamo quindi di rivolgersi a un restauratore di vostra fiducia. Si consiglia ai potenziali acquirenti di ispezionare ogni lotto per accertarsi delle condizioni durante le giornate di esposizione come indicato in catalogo.