Precedente / Successivo

Dipinti e Disegni Antichi

martedì 16 novembre 2021 • Roma

108

Giuseppe Tassone

(Roma 1653 - Napoli 1737)

Paesaggio pastorale

Stima

€ 7.000 - 12.000

Un utente ha offerto

La tua offerta è la più alta

Informazioni

olio su tela
cm 74,5 x 101,5
firmato e datato in basso a destra Tassone / 1714
La tela, firmata e datata, è una rara opera di Giuseppe Tassone risalente al 1714. All’artista romano di nascita ma napoletano di adozione, Bernardo De Dominici dedica una biografia nelle sue Vite de' pittori, scultori ed architetti napoletani (cfr. De Dominici, op. cit., Napoli 1742, p. 559) dove Tassone è ricordato per la sua capacità nella resa della "morbidezza della lana delle sue pecore". Secondo l'erudito napoletano, l’artista realizzò infatti "opere molto belle, e di gran componimento, e fece in grande, e in picciolo, accompagnandovi ancor' egli le figure, che veramente eran dipinte con stile romano" (De Dominici, op. cit., p. 559). 
Quest’opera si aggiunge all’esiguo catalogo dell’artista, che consta solo di altri quattro dipinti noti, conservati nella Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano (A. Bernardini, in Museo d'Arte Antica del Castello Sforzesco. Pinacoteca, a cura di M. T. Fiorio, Milano 1999, tomo III, pp. 295-297, nn. 689-692).
In passato il dipinto era stato erroneamente attribuito a Francesco Zuccarelli, probabilmente sulla base di un’affinità stilistica e compositiva di gusto arcadico. Da quest’ultimo, tuttavia, Tassone sembra allontanarsi per una spiccata abilità nella resa realistica degli armenti, caratteristica propria della bottega di Rosa da Tivoli. Tutto ciò è un’ulteriore conferma dell’adesione allo “stile romano” del pittore, sottolineato nelle parole del De Dominici.  

Contatta il dipartimento

dipintiantichi@finarte.it 06 87765638 Scrivici su Whatsapp

Condition report

Per richiedere un condition report contattare dipintiantichi@finarte.it Il dipartimento fornirà un rapporto generale sullo stato del bene sopra descritto. Si ricorda però che quanto dichiarato da Finarte rispetto allo stato di conservazione dei beni corrisponde unicamente a un parere qualificato e che i nostri esperti non sono restauratori professionisti. Per una relazione dettagliata consigliamo quindi di rivolgersi a un restauratore di vostra fiducia. Si consiglia ai potenziali acquirenti di ispezionare ogni lotto per accertarsi delle condizioni durante le giornate di esposizione come indicato in catalogo.