1000 Finarte / Asta di automobili

Brescia, lunedì 13 maggio 2019

267

Marchio registrato ERMINI e prototipo ERMINI 686

  • Eccezionale opportunità di acquisire un marchio prestigioso.
  • Ha partecipato, tra gli anni 40 e 60, a costruire la storia dell'automobilismo sportivo.
  • Protagonista della storia del dopoguerra Mille Miglia.
  • Perfetto per imprenditori o fondi di investimento che desiderano valorizzare o sviluppare prodotti di nicchia.
  • Ideale per sviluppare modelli sportivi con vocazione tradizionale o ecologica.
  • Ideale per sviluppare modelli tributo o “sanction” e parti per le vetture ERMINI esistenti.
  • Marchio con classi registrate anche per la produzione di abbigliamento, orologi, pelletteria, accessori, gioielli, modellistica, editoria relativi al brand ERMINI.
  • Possibilità di sponsorizzare eventi internazionali come la Mille Miglia.
  • Il prototipo ERMINI 686 del 2014, completamente funzionante, e relativi progetti fanno parte del lotto.

Doppia soluzione per il compratoreL'acquirente, fatto salvo il valore del lotto aggiudicato, ha due possibili modalità di acquisto:1 - acquista direttamente il marchio registrato ed il prototipo (incluso il relativo progetto) dal soggetto titolare;2 – oppure, ove di maggior interesse per l’aggiudicatario, quest’ultimo può acquisire le quote rappresentanti l’intero capitale sociale delle società oggi titolari dei beni costituenti il lotto: la "OFFICINA ERMINI FIRENZE DI EUGENIO ERCOLI & C. S.A.S." per le registrazioni dei marchi, e la "ERMINI AUTOMOBILI ITALIA S.R.L." per il prototipo, i progetti e alcune registrazioni. Questa soluzione è progettata per facilitare l'immediatezza di mantenimento, della sede centrale dell'azienda, a Firenze.Si prega di notare che in ogni caso ci vorranno almeno 30 giorni per completare il trasferimento dei documenti e dei beni e per le relative formalità, a partire dalla data di aggiudicazione e che i costi dell'intestazione del marchio sono a carico dell'acquirente.


Stima

€ 2.000.000 - 2.500.000

Un utente ha offerto

La tua offerta è la più alta

  • Aggiungi ai preferiti

Provenienza

La storia di ERMINI

Pasquale Ermini, detto "Pasquino", era un appassionato di automobili e fu uno dei produttori più rappresentativi di auto sportive italiane, dopo la guerra. Nato vicino a Firenze, iniziò come apprendista meccanico nel team di Emilio Materassi. Nella scena delle competizioni internazionali, cresce e instaura relazioni importanti, compresa quella con l'Ing. Alberto Massimino, che in seguito collaborò al successo di ERMINI. Ermini aprì la sua officina, ma solo dopo la guerra, nel 1946, sviluppò una testata in alluminio bialbero da applicare al blocco Fiat 1100. Nei primi mesi del 1947 fu completato il primo motore Fiat-ERMINI. Il nome Fiat-ERMINI era dovuto al nuovo regolamento CSAI che richiedeva la immatricolazione di tutti i veicoli, impedendo così di dare loro il nome, dovendo affrontare dei costi insostenibili per i test. Nell'inverno del 1948 iniziò la collaborazione con il carrozziere Rocco Motto con cui ci fu subito un ottimo accordo. Il grande successo arrivò nello stesso anno, quando le auto ERMINI iniziarono a partecipare alla Mille Miglia. Da quel momento in poi, il nome ERMINI ha conquistato grandi successi in classe e in assoluto, sia alla Mille Miglia che nelle competizioni più importanti. Il palmarès diventava sempre più grande ogni anno. Con i successi ottenuti, le richieste di acquisto dei motori ERMINI su base Fiat si erano moltiplicate, poiché erano considerati i più potenti della Classe Sport 1100. La varietà e la quantità di auto che utilizzavano il motore Fiat-ERMINI era eccezionale. Le vetture ERMINI si sono evolute continuamente: per la stagione 1950, Ermini commissionò a Gilco un nuovo telaio, per essere ancora più competitiva. Venne progettato un nuovo motore a quattro cilindri, sempre con l'aiuto dell'ingegnere Alberto Massimino, con blocco in alluminio, cinque supporti di banco e una nuova testa bialbero. Costruito interamente da ERMINI, era uno dei pochi motori da competizione che non derivasse da un motore di grande serie, dando così ulteriore prestigio al costruttore. Così, le auto cominciarono ad essere registrate come "ERMINI", senza il suffisso "Fiat". Un 'assistenza ufficiale in gara cominciò ad essere offerta dal 1952 dalla "Squadra Corse ERMINI". I risultati delle vetture ERMINI aumentano di anno in anno, nonostante i concorrenti e nonostante gli ostacoli imposti dalle sempre nuove normative. Nel 1955 Ermini affrontò il suo ultimo progetto, sempre con Massimino: ancora una volta un nuovo telaio e un nuovo motore, questa volta con doppia accensione. Nasce la ERMINI 357, un'auto dalla lunga e ricca carriera, anche negli Stati Uniti. Grazie al nuovo progetto, venne riconosciuto ad ERMINI il titolo di costruttore di automobili, consentendo così di avviare la propria numerazione. Nei primi mesi del 1955 ERMINI si rivolse alla carrozzeria Scaglietti per l'allestimento di cinque autovetture in configurazione Sport barchetta. Solo tre dei cinque telai ERMINI vennero così carrozzati, poiché Enzo Ferrari che aveva un accordo di esclusiva con Scaglietti, mal tollerava nella “sua” Modena. I tragici eventi accaduti durante la 24 Heures du Mans e, nel 1957, alla Mille Miglia portarono all'abolizione delle gare su strada e alla fine di un'era. Pasquino Ermini iniziò la sua più lunga e difficile battaglia, contro una malattia che lo portò ad abbandonare lo sviluppo delle sue "creature". La sua morte, nel 1958,decretò la fine del marchio fiorentino che chiuse definitivamente nel 1962. In ordine alfabetico: Clemente Biondetti, Ugo Bormioli, Attilio Brandi, Giulio Cabianca, Carlo Chiti, Enrico Manzini, Supremo Montanari, Ugo Puma, Piero Scotti, Piero Taruffi, Aldo Terigi sono solo alcuni dei i piloti che hanno portato al successo le vetture ERMINI.

Il lotto

Un'opportunità rara e particolare: in questo lotto, l'acquisto del glorioso marchio ERMINI viene proposto attraverso tutti i diritti ad esso connessi, che trovate indicati nell'apposita tabella. Insieme, nello stesso lotto, il prototipo ERMINI 686 del 2014 (e il relativo progetto).

Il potenziale

Ci sono diverse possibili aree di business e investimenti per il futuro acquirente. Il rilancio del marchio è pieno di potenzialità, mantenendo in pieno la coerenza tra passato e futuro, allo stesso tempo moderno e in continuità con la tradizione motoristica italiana, permettendo ad ERMINI di anticipare soluzioni per le crescenti esigenze di rispetto per l’impatto ambientale. Con questo in mente, l'acquisto del marchio ERMINI è un'opportunità per molte persone interessate a un investimento prestigioso e intelligente, nonché a grandi aziende. A queste ultime, soprattutto se rivolte ad un mercato generalista, il marchio ERMINI, come già successo con altri marchi noti, potrebbe aggiungere prestigio.

Il costruttore

Ci sono molte possibilità industriali per il marchio ERMINI. La classe registrata "12" consente a ERMINI di costruire veicoli. ERMINI è perfetta per creare un marchio di nicchia, adatto a sviluppare modelli sportivi in serie limitata / in piccola serie con vocazione tradizionale o ecologica, con carburanti alternativi, ibridi o elettrici.D'altra parte, è perfetta per sviluppare modelli “sanction”. Una nuova ERMINI 357 può rinascere, seguendo l'esempio di altre importanti fabbriche con un passato sportivo come la Jaguar con la XKSS o la Mercedes-Benz con la 300 SL AMG o persino la Porsche di Zagato. Piccoli numeri di auto preziose ed esclusive.Lo stesso badge ERMINI, può essere utilizzato per distinguere un allestimento speciale di una vettura, diverso per contenuti tecnici o estetici da quello delle vetture base. Sull'esempio di quanto recentemente avvenuto con Vignale, che identifica l'alto di gamma, nel marchio Ford.Il marchio ERMINI è anche un perfetto punto di partenza per fornire parti per le vetture ERMINI esistenti, fornire assistenza per il restauro o intraprendere un restauro completo, certificando il lavoro svolto. Va ricordato che per il prestigio del marchio e la costruzione semi-artigianale delle vetture, gli ERMINI sono veicoli con prezzi importanti e ben consolidati.

Lifestyle 

Un'altra interessante opportunità sono le varie classi di prodotti registrati commercializzabili con il marchio ERMINI, come accaduto con Gulf o altri marchi storici. Abbigliamento, orologi, pelletteria (della tradizione fiorentina), accessori, gioielli sono solo gli esempi principali. Si prega di vedere la tabella allegata, per la lista completa.

L’azienda

Diventare ed essere ERMINI porta a quali diritti?La possibilità di creare un registro di marca, di certificare auto, parti e restauri. Per diventare il punto di riferimento per il mondo ERMINI, dalla presentazione di prototipi o auto nuove alle fiere internazionali dell'auto, alla creazione di un programma heritage.La possibilità di acquistare un marchio italiano, un marchio che testimonia l'eccellenza manifatturiera italiana, anche mantenendo la sua sede a Firenze, come fiore all'occhiello dell'artigianato fiorentino.La possibilità di ricreare la "Squadra Corse ERMINI", con piloti prestigiosi che già corrono sui percorsi delle più prestigiose rievocazioni internazionali, dalla Mille Miglia alla Targa Florio, come un altro fiore all'occhiello inestimabile e spontaneo. Oppure (perché no?) scendere in pista o creare un campionato monomarca per nuove auto.La possibilità di sponsorizzare eventi internazionali come la Mille Miglia con tutte le conseguenti opportunità di pubbliche relazioni, affari pubblici o la presentazione di un prodotto, di un evento di alto livello. O addirittura organizzare da soli ogni tipo di evento sotto la bandiera di ERMINI, grazie alla classe "41".

Il prototipo ERMINI 686

Il futuro di ERMINI è tangibile ed ha già un punto di partenza. Il prototipo ERMINI 686 (seiottosei), presentato al Salone di Ginevra 2014, fa parte del lotto. Il progetto è il risultato di una stretta collaborazione tra ERMINI, Osella e Giulio Cappellini, uno dei migliori "maestri" nel panorama internazionale del design contemporaneo. L'obiettivo era sviluppare un prodotto che doveva essere un punto di riferimento per la sua eccellenza, sia dal punto di vista tecnologico che dal punto di vista del design. Tutti i componenti della vettura che non sono stati progettati specificamente per ERMINI 686 rappresentano in ogni caso la migliore produzione disponibile di derivazione "racing" sul mercato. Il telaio in acciaio inossidabile saldato manualmente è stato appositamente sviluppato da Osella per garantire la massima resistenza e leggerezza ed è di proprietà di ERMINI. La carrozzeria ha elementi tecnicamente importanti realizzati in fibra di carbonio e in alluminio battuto. L'auto è equipaggiata con un motore turbo Renault che fornisce 320 cavalli certificati. Tale potenza, abbinata a un peso complessivo di 686 kg (da cui il nome), garantisce un rapporto peso/potenza da vera supercar, mentre il motore garantisce un livello di emissioni molto limitato. Le sospensioni push-rod sulle quattro ruote sono dotate di ammortizzatori da competizione regolabili Ohlins. L’impianto elettrico e quello frenante sono stati sviluppati specificamente da Bosch e Brembo. La tappezzeria è stata sviluppata in collaborazione con Alcantara. Il volante Nardi prende il nome dal fondatore di ERMINI (Pasquino). L'intero sistema di sospensioni è trattato con uno speciale processo molecolare (PVD), che garantisce un rivestimento unico con una resistenza estremamente elevata agli impatti e agli agenti atmosferici. Una perfetta combinazione tra design esclusivo e funzionalità.


Contatti

Automotive

Via Paolo Sarpi, 6 - milano
Tel: 02 33638028