1000 Finarte / Asta di automobili

Brescia, lunedì 13 maggio 2019

241

1939 Fiat 1500 6C Berlinetta Superleggera (Carrozzeria Touring)

Telaio no. 1500B-033688 - Motore no. 1500B-034301

  • Mille Miglia. Eleggibile: la Fiat 1500 corse la Mille Miglia prima della guerra e immediatamente dopo la guerra.
  • Mille Miglia: come auto di produzione prebellica gode il vantaggio di posizionarsi presto sulla linea di partenza.
  • Stupendo ed estremamente dettagliato design Touring: una “Alfa 6C in miniatura”.
  • Meno di una dozzina di esemplari ancora esistenti. Una di esse.
  • Famoso primo proprietario: il gentleman driver Franco Spotorno, pilota alla Mille Miglia e fondatore di una importante concessionaria Fiat.
  • Solo quattro proprietari da nuova e ancora con la sua prima targa Milan
  • Completamente restaurata e meccanicamente perfetta.

Documenti
Immatricolazione e targhe italiane in ordine.

EleggibilitàMille Miglia. Eleggibile. Più unica che rara! La Fiat 1500 corse la Mille Miglia prima della guerra e immediatamente dopo la guerra. Come auto di produzione prebellica gode il vantaggio di posizionarsi presto sulla linea di partenza.Giro di Sicilia. Eleggibile.Targa Florio. Eleggibile.Goodwood Revival. Eleggibile.Le Mans Classic. Nella media, eleggibile.
Coppa d’Oro delle Dolomiti. Eleggibile.Vernasca Silver Flag. Eleggibile.California Mille: Eleggibile.Pebble Beach Concours d’Elegance. Eleggibile.Amelia Island Concours d’Elegance. Eleggibile.Chantilly Arts & Elegance Richard Mille. Eleggibile.Concorso d’eleganza Villa D’Este. Eleggibile.


Stima

€ 360.000 - 380.000

Un utente ha offerto

La tua offerta è la più alta

  • Aggiungi ai preferiti

Provenienza

Il modello

La Fiat 1500 era una vettura a sei cilindri prodotta dalla Fiat dal 1935 al 1950. Fu una delle prime auto testate in una galleria del vento. Lo stile aerodinamico raggiunse un'efficienza aerodinamica senza eguali in una vettura da turismo e smentì la tesi che le auto aerodinamiche non sarebbero state vendute.Un modello migliorato di seconda serie fu introdotto nel 1939, distinto come era la consuetudine di Fiat a quel tempo da una lettera aggiunta al nome di modello: la Fiat 1500 B. Aveva freni più potenti e un freno a mano che agisce sulla trasmissione attraverso una fascia frenante invece che sui freni a tamburo dell'asse posteriore come prima. La 1500 B era altrimenti praticamente indistinguibile dal modello originale.Il motore era di 45 CV, 1.493 cc OHV a sei cilindri in linea, trasmissione manuale a quattro velocità, sospensioni anteriori indipendenti con bracci trasversali e molle elicoidali, assale posteriore rigido con ammortizzatori idraulici e barra stabilizzatrice e freni a tamburo idraulici a quattro ruote. Passo: 2.800 mm.Tra il 1935 e il 1948, Touring costruì la 6C Berlinetta Superleggera su telai FIAT 1500, FIAT 1500 B, C e D.Secondo Carlo Felice Bianchi Anderloni e Angelo Tito Anselmi nel loro Touring Superleggera Giant Among Italian Coachbuilders, sono stati prodotti diversi prototipi per la Fiat 1500 Touring Berlinetta, ma il numero limitato di auto ha portato a combinare i dettagli di rifinitura e design di tutti loro. Tuttavia, la forma di base è rimasta la stessa: un coupé fluido ed elegante, sulla falsariga del famoso design Berlinetta di Touring per l’Alfa Romeo 6C.La Carrozzeria Touring di Milano brevettò il brevetto Superleggera utilizzando leghe e componenti ultraleggeri con pannelli in alluminio su una struttura in acciaio a gabbia.Non è conosciuto il numero totale di esemplari costruiti in oltre 10 anni, ma potrebbero essere state alcune decine, anche per il fatto che la Touring siglò un particolare accordo con la FIAT e con il Concessionario di Milano (Spotorno che acquistò questa vettura per uso personale) per cui poteva costituirsi un piccolo stock di telai completi di meccanica ed allestirli con ordine diretto del cliente e secondo le sue preferenze. Meno di una dozzina è sopravvissuta.

L’auto

La Fiat 1500 6C Berlinetta, numero di telaio 1500B033688, è un modello B, motore matching number con soli quattro proprietari da nuova. Questo esemplare è del 1939 ed ha la caratteristica del muso “a prua chiusa” con le grandi feritoie laterali per il passaggio dell’aria di raffreddamento motore. Questo dettaglio del muso e delle sue prese d'aria fu oggetto di continuo affinamento alla ricerca della migliore soluzione. La costruzione della carrozzeria è interamente in alluminio con i vetri laterali e posteriori in plexiglas che era stato inventato in America pochissimi anni prima. Tra le caratteristiche di questo modello ci sono i cerchi in lega leggera con bordo scomponibile, un cruscotto unico creato su richiesta del cliente, gli interni in velluto Duca Visconti di Modrone.Il primo proprietario di questa vettura, indicato su un documento del Reale Automobile Circolo d'Italia, è Franco Spotorno. Egli nacque nel 1901 e dal 1930 al 1938 corse diverse gare con auto della Fiat. Nel 1938 corse la Mille Miglia insieme a Moscatelli con una Fiat 500 Testa Siata e finì 51°, secondo nella sua categoria. Nel 1938 Spotorno aprì la sua prima concessionaria Fiat. Le ricerche su questa vettura sono in corso per scoprire di più sull'uso, sportivo o di rappresentanza, che Spotorno ebbe di questa vettura. Si ritiene che l'auto sia stata costruita nel 1939 e registrata al Reale Automobile Circolo d'Italia solo il 2 marzo 1942, quando fu venduta al secondo proprietario dal concessionarioFiat Spotorno. Il secondo proprietario fu la Ditta Industrie Tessili G. Dellepiane che la manterrà durante la guerra e fino al 1946, quando fu venduta ad Aldo Asti, sempre a Milano. La vettura è rimasta ferma dopo la guerra e così fu lasciata fino alla metà degli anni 2000 quando il quarto proprietario, l'attuale, ha deciso di avviare un restauro ai più alti standard. Il restauro filologico ha mantenuto il crine vegetale originale dei sedili e l'originale radiatore a nido d'ape. L'eccezionale restauro è stato ottenuto con oltre 3000 ore di lavoro documentato da un migliaio di fotografie. l'unica cosa non restaurata è l'originale targa Milano!Questa "mini Alfa 6C" presenta un design Touring estremamente raro e desiderabile e, come tale, occupa un posto importante nella storia delle coupé sportive italiane.

Stato dell’arte: Carrozzeria, interni e meccanica completamente restaurati nel rispetto della configurazione originale.


Esposizione



Bibliografia

  • Carlo Felice Bianchi Anderloni e Angelo Tito Anselmi, Touring Superleggera: Giant Among Classic Italian Coachbuilders. Edizioni di Autocritica, Italia 1983
  • Giovanni Bianchi Anderloni, Carrozzeria Touring Superleggera, Fucina Editore, Italia 2016.