Automobili da collezione

Padova, venerdì 25 ottobre 2019

1

1913 De Dion-Bouton DY (De Dion-Bouton)

telaio no.189 - motore no. 11230

  • Auto di un marchio leggendario che risale ai primi giorni della motorizzazione.
  • Un'ottima opportunità, in un grande momento per acquistare una vettura "ancêtre".
  • Dettagli “fin de siècle” in un'auto già moderna sotto molti aspetti.
  • Completamente restaurata.

Stima

€ 55.000 - 70.000

Un utente ha offerto

La tua offerta è la più alta

  • Aggiungi ai preferiti

Il modello

La società venne fondata a Puteaux da Jules-Albert De Dion, da George Bouton e dal cognato Charles Trépardoux. Iniziarono a costruire automobili a vapore nel 1883. Dieci anni dopo, vennero prodotte trattrici a vapore, progettate per trainare le carrozze e che utilizzavano un innovativo design delle sospensioni posteriori, che sarebbe diventato famoso come "ponte De Dion", in cui le funzioni di direzione e trasmissione all'assale delle ruote sono separate. Questo sistema era avveniristico ed efficace, soprattutto nell’impiego sportivo ed è ancora utilizzato su alcuni veicoli. Bouton fu in seguito responsabile dell'introduzione della candela come la conosciamo oggi, con il gambo filettato, facile da smontare. Nel 1893, De Dion si convinse che il futuro era nel motore a combustione interna. Trépardoux non ne era convinto e lasciò l’azienda. Nel 1895 la società iniziò a produrre macchine a benzina con un piccolo motore monocilindrico. Fu costruito un nuovo piccolo motore monocilindrico da 137 cc che girava alla velocità senza precedenti di 3000 giri/min e aveva l'accensione elettrica. Venne applicato a un telaio basato su un triciclo. La società iniziò presto a produrre motori per altre società. Infine, più di 150 altre società utilizzarono i loro motori. Nel 1898 il veicolo a tre ruote fu affiancato da un modello a quattro ruote e nel 1900 da un trasporto "vis-a-vis" con il motore sotto il sedile e la trazione posteriore con un cambio a due velocità: era il modello "Populaire". Nel 1900, De Dion-Bouton era la più grande casa automobilistica del mondo, con una produzione di 400 auto e 3200 motori. Fu inoltre aperta una fabbrica a Brooklyn, New York e, grazie alla De Dion-Bouton, fu pubblicata la prima mappa stradale. Nel 1901 l’azienda De Dion-Bouton si era affermata come innovatrice con successo e produttrice di motori e autoveicoli di alta qualità in Europa. Il motore fu posto davanti nel 1903 e apparve anche la retromarcia. In quell'anno furono aggiunti modelli multi cilindrici, con la bicilindrica da 1728 cc di Tipo S, seguita nel 1904 dalla quattro cilindri da 2545 cc di tipo AD. Le auto diventarono anche più "convenzionali", con il radiatore posto sulla parte anteriore del motore e il comando della frizione sostituito, da leva a pedale. Alla fine del 1904, De Dion-Bouton aveva costruito una reputazione invidiabile grazie alle prestazioni dei suoi motori mono e bicilindrici, ai sistemi di accensione e trasmissione, abbinati a un telaio robusto e leggero adatto per una vasta gamma di carrozzerie a due e quattro posti. L'industria automobilistica, che aveva appena un decennio, stava attraversando un periodo di cambiamento dinamico con le prime fasi della produzione di massa, il miglioramento delle macchine utensili, l'emergere di diversi tipi di clienti, nuove opportunità commerciali e la crescente concorrenza. Negli anni dal 1905 al 1914, De Dion-Bouton affrontò queste sfide con un mix di innovazione e imprenditorialità, lanciando ottantadue diversi tipi di veicoli in configurazioni ad uno, due, quattro e otto cilindri. Molte delle innovazioni di De Dion-Bouton erano consolidate, affidabili ed efficaci. Tuttavia, non erano più all'avanguardia o alla moda e la società era profondamente consapevole della necessità di dimostrare la volontà di cambiare, indipendentemente da quanto potesse essere difficile, costoso e talvolta inutile. Mentre nel 1904 il conte De Dion era convinto che la prosperità futura della compagnia risiedesse nei piccoli veicoli e camion, entro quattro anni fu presa la decisione di concentrarsi sui veicoli a quattro cilindri. Nel 1909 i margini delle auto monocilindriche erano stati fortemente ridotti e il successo del modello 12 hp a quattro cilindri di tipo BH aveva convinto la gestione a cessare la produzione della due cilindri da 10 hp. Le auto a quattro cilindri avevano varie configurazioni di motori: le auto piccole avevano motori da 10/12 hp; le auto di medie dimensioni erano equipaggiate con unità di potenza 14/18hp e i veicoli di fascia alta avevano opzioni da 25/30hp, adeguate per le carrozzerie “landaulet” di rappresentanza. La crescita del settore dei veicoli commerciali per camion e autobus, per i quali erano necessari i più grandi motori a quattro cilindri, offrì anche migliori economie di scala. La concorrenza, in particolare nei settori dei quattro cilindri di piccole e medie dimensioni, era agguerrita e le operazioni su larga scala di alcuni produttori americani, in particolare Ford, stavano già spingendo in basso i prezzi dei saloni. Occasione allettante, una cosa a cui di solito il conte De Dion trovava difficile resistere, era il lancio di un motore a otto cilindri, con i suoi potenziali vantaggi di profilo del marchio e dai forti margini. De Dion-Bouton è stata la prima con un motore V8 prodotto in serie, un'unità con 35 cavalli, nel 1910. In linea generale, la Società promuoveva un numero limitato di modelli ogni anno, di solito da cinque a sette. Dal 1910 al 1914 questo numero raddoppiò. Questa abbondanza di veicoli passeggeri (88 modelli e 26 diverse configurazioni del motore in 10 anni), oltre all'attività dei veicoli commerciali, era in netto contrasto con molti dei loro concorrenti, che intrapresero meno sviluppo ma vendettero più veicoli. Durante la prima guerra mondiale la fabbrica produceva componenti di armi, veicoli blindati e motori di aerei, nonché automobili e camion. Alla fine della guerra la società conobbe un periodo di stasi. In seguito, nonostante nuovi modelli, molto costosi, la produzione di automobili da turismo cessò nel 1932. Nel frattempo era diventata molto più importante la produzione ferroviaria. Una piccola quantità di veicoli commerciali venne costruita fino al 1950. Il marchio sparì definitivamente nel 1968. Gli appassionati De Dion-Bouton stimano che nel mondo siano rimaste circa 1.000 auto del marchio.

L’auto

La De Dion-Bouton DY, telaio n. 189 è un'auto del 1913. In quello stesso anno, De Dion-Bouton era probabilmente il più grande produttore di veicoli al mondo e, gradualmente, i clienti stavano mostrando di desiderare auto più grandi e raffinate. Solo un'autovettura De Dion-Bouton utilizzava ancora un motore a 2 cilindri, tutte le altre erano per lo più a quattro cilindri in una vasta gamma di cilindrate, più un V-8. Nel 1913, i modelli a 4 cilindri erano i seguenti: DX, DW4, DY, DZ / EA, EB / EB2 / EI. La De Dion-Bouton DY, telaio n. 189 è un'auto carrozzata Torpedo, alimentata da un motore con valvole laterali a quattro cilindri da 2,4 litri. Ha guida a destra, come ogni automobile in quegli anni. Rifinita in verde con parafanghi neri, ha i cerchi in legno verniciati originali e pneumatici Michelin, riproduzioni di alta qualità. Ha interni in pelle nera e una nuova capote in tessuto nero. Le sospensioni sono ad assale rigido anteriore e posteriore con balestre anteriori semi-ellittiche e posteriori a 3/4 ellittiche e freni a ruota posteriori a tamburo. Nessun freno anteriore. L'auto è ancora dotata dei suoi rari fari originali Blériot ad acetilene. Nel 1897, Louis Blériot, pioniere dell'aviazione francese e primo a trasvolare La Manica, creò un'azienda che produceva lampade per automobili. Il suo primo brevetto, depositato nel 1897, riguarda la creazione di fari ad acetilene. Con questa illuminazione completamente nuova, guidare di notte diventava possibile per la prima volta. Blériot e il suo team migliorarono costantemente i loro prodotti e diversificato la loro gamma con nuovi brevetti, spesso rivoluzionari. Questa attenzione ai dettagli si adatta perfettamente alla filosofia De Dion-Bouton, che beneficia dei risultati ottenuti per migliorare ulteriormente la sicurezza dei veicoli per i suoi clienti. La De Dion-Bouton DY del 1913, telaio n. 189, è stata completamente restaurata nel corso degli anni, a partire dagli anni '60. L'ultimo restauro è avvenuto nel 2008. Il motore è conforme all'originale, per tipo e anno. La carrozzeria è stata completamente ridipinta. I dettagli sono preziosi e corretti, per anno e per modello: dalla tromba sul lato destro, al generatore di acetilene, ai bauli esterni in pelle e in legno. Gli interni sono stati parzialmente rifatti con materiali simili all'originale. Sul cruscotto, un orologio optional dell'epoca. L'auto è dotata della leva di avviamento originale, ma anche di un motorino di avviamento elettrico non previsto all’epoca. Come ha detto un esperto: "Le prestazioni non saranno esaltanti, ma dovrebbe continuare a farle per sempre". Un'auto conosciuta per le qualità del suo motore, un esemplare di un marchio leggendario dei primi giorni della motorizzazione, una vettura da turismo elegante e restaurata con versatile carrozzeria Torpedo. Un acquisto gratificante nel periodo più redditizio sul mercato, per acquistare un "ancêtre".

Stato dell’Arte

Completamente restaurata.

Bibliografia

  • Michael Edwards, De Dion Bouton, An Illustrated Guide to Type & Specification 1905-1914, Surrenden Press, UK 2017.

Certificati ed Attestati

ASI.

Documenti

Da immatricolare (tramite certificato ASI).

Eleggibilità

  • Goodwood Revival. Eleggibile.
  • Nürburgring Classic. Eleggibile.
  • Pebble Beach Concours d’Elegance. Eleggibile.
  • Amelia Island Concours d’Elegance. Eleggibile.
  • Chantilly Arts & Elegance Richard Mille. Eleggibile.
  • Concorso d’eleganza Villa D’Este. Eleggibile.

Contatti

Automotive

Via Paolo Sarpi, 6 - milano
Tel: 02 33638028