Finarte cambia sede e si trasferisce in via Paolo Sarpi 8

Finarte cambia sede e si trasferisce in via Paolo Sarpi 8

Il progetto dell’architetto Anna Maria Voiello si sviluppa su una superficie di quasi 1000 metri quadrati, 300 metri lineari di pareti allestite con binari per esporre opere d’arte, e oltre 150 punti luce, per un valore complessivo intorno ai quattro milioni di euro. La ristrutturazione degli spazi, iniziata il 25 maggio 2018 e terminata nel mese di gennaio 2019, ha visto una prima fase di bonifica dell’immobile, con importanti lavori di consolidamento della struttura e il completo rifacimento dell’impiantistica. La nuova versione s’installa rispettosamente tra le famose mura del Cinema Aurora, di cui mantiene come simbolo il soffitto a cassettoni anch’esso completamente ristrutturato e integrato nell’ambiente.

La struttura, di notevole pregio architettonico, è realizzata con l’utilizzo di moderne tecnologie e materiali, e permette a Finarte di riunire in un unico luogo spazi espositivi, uffici, sala d’asta e caveau migliorando così i servizi alla clientela. Finarte, con il trasferimento nella nuova sede in una zona residenziale e pedonale e allo stesso tempo luogo dove design, arte e tecnologia si fondono con il cuore della città, si pone l’obiettivo di aprirsi alla città di Milano e alle istituzioni per immaginare nuove forme di collaborazione. Tra le ipotesi si registrano eventi di formazione aziendale ed attività di laboratori educativi per i bambini.

La nuova sede Finarte, un traguardo fondamentale di un percorso di crescita graduale della Casa d’Aste fortemente perseguito a partire dal 2017 con l’acquisizione di Minerva Auctions, è situata nel cuore dell’IDD, Innovation Design District (progetto nato per valorizzare l’area compresa tra Porta Nuova e Porta Volta).

Se a Roma, nella città eterna, le aste di Finarte si svolgeranno nella fascinosa sede di Palazzo Odescalchi, progettato dal Bernini, nel cuore del centro storico in Piazza SS. Apostoli, a Milano, città proiettata nel futuro, è sembrato più contemporaneo partecipare ai processi di cambiamento della città, sposando l’idea di insediarsi in una zona in evoluzione, come nelle grandi città internazionali”, Fabio Massimo Bertolo, Amministratore Delegato di Finarte.

La prima asta in programma si terrà il 21 marzo 2019, primo giorno di primavera. All’incanto una prestigiosa collezione di borse Hermès.