1000 Finarte / Asta di automobili

Brescia, lunedì 13 maggio 2019

249

1950 Healey Silverstone (Healey)

Telaio no. E94

  • Eleggibile Mille Miglia.
  • Una delle sole 54 vetture della serie "E" del 1950.
  •  Maneggevolezza incredibile per un'auto dell'epoca.
  • Vincente nelle gare di regolarità e divertente da guidare.
  •  Splendidamente restaurata.

Certificati ed Attestati
Fiva, fiche CSAI.

Documenti
Immatricolazione e targhe italiane in ordine e aggiornate.

EleggibilitàMille Miglia. Eleggibile. Giro di Sicilia. Eleggibile.Targa Florio. Eleggibile.Goodwood Revival. Eleggibile.Tour Auto. Eleggibile.Le Mans Classic. Eleggibile.
Coppa d’Oro delle Dolomiti. Eleggibile.Circuito di Pescara. Eleggibile.
Vernasca Silver Flag. Eleggibile.California Mille: Eleggibile.Nürburgring Classic. Eleggibile.


Stima

€ 300.000 - 350.000

Un utente ha offerto

La tua offerta è la più alta

  • Aggiungi ai preferiti

Provenienza

Il Modello

La Donald Healey Motor Company completò la sua prima auto nel 1945, andando in produzione a regime l'anno successivo. Donald Mitchell Healey fu un noto progettista di automobili inglese, pilota di rally e detentore di record di velocità. Creò con lo specialista di telai Achille Sampietro e Ben Bowden la Donald Healey Motor Company Ltd stabilendo la propria attività in un vecchio hangar RAF a Warwick. Le loro prime auto furono costose auto di alto livello. La prima ad essere offerta dall'azienda fu una berlina sportiva alimentata dal motore Riley da 2,4 litri con telaio saldato e sospensioni anteriori indipendenti a bracci longitudinali di progetto Healey.Quando il governo britannico, nel 1948, raddoppiò la tassa di acquisto sulle auto di lusso oltre £1000, dal 33,33% al 66,66%, Donald Healey decise di realizzare un'auto ad alte prestazioni di prezzo inferiore alle £1000. Il risultato fu la Healey Silverstone, progettata da Len Hodges. Costruita per i cosiddetti “clubman racers”, la Silverstone aveva un duplice scopo: era un modello ugualmente a suo agio su strada o su pista. Utilizzava la versione preparata del collaudato quattro cilindri bialbero Riley da 2,4 litri della berlina, anche se adesso disponeva di 104 cavalli grazie a due carburatori SU orizzontali, un sistema di scarico potenziato e un collettore d'aspirazione speciale in alluminio. L'auto era costruita su un telaio più corto con molle più rigide e, insolita per l’epoca, una barra antirollio anteriore. La leggera carrozzeria scoperta a due posti era realizzata in alluminio, e l'aspetto funzionale della vettura era sottolineato dai parafanghi di tipo motociclistico e dai fari molto ravvicinati montati dietro la griglia del radiatore per renderla più aerodinamica. Un'altra caratteristica insolita era la ruota di scorta che sporgeva dal suo vano nella parte posteriore arrotondata e estrusa leggermente sui lati, fungendo così anche da paraurti. La Silverstone aveva una velocità massima di 110 mph (177 km/h) e un tempo di accelerazione di 0-60 mph (97 km/h) di 11 secondi. I telai Healey differivano per una lettera di codice. A, B e C furono utilizzate per Westlands, Elliot e modelli derivati. La prima Silverstone usò una "D". Introdotta più tardi, nell'aprile 1950, la tipo "E" poteva essere riconosciuta dalla presa d'aria sul cofano, era un po’ più larga e aveva un abitacolo più confortevole.La rivista Motor, quando annunciò e presentò il modello nel luglio del 1949, descrisse la Silverstone come una "due posti da competizione leggera da vendere al prezzo base di £ 975" mentre osservava che "pesa solo 18,5 cwt, la nuova Healey offre prestazioni migliorate per l’uso in competizione, ma rimane perfettamente adatta al normale uso su strada." La distribuzione del peso, il motore, la trasmissione, il guidatore e il passeggero anteriore sono posizionati tra gli assi, offrendo un ottimo bilanciamento e stabilità. La generale solidità si basava su un robusto telaio. La sua sospensione reattiva e lo sterzo dal controllo diretto consentivano una guida, una maneggevolezza e una stabilità direzionale migliore rispetto alla maggior parte delle contemporanee.La Silverstone si affermò presto nei rally e nelle corse in circuito, con molte future "star" del volante che fecero le loro prime esperienze sportive con quest’auto. Un giovane studente persuase sua madre a comprare una Silverstone come auto per la spesa, che poi prese in prestito e con cui iniziò a farsi un nome sulle piste. Il suo nome era Tony Brooks. È stata l'icona di auto sportiva per un'intera generazione di piloti. La Silverstone vinse molte competizioni tra cui l'edizione del 1949 del famoso Alpine Rally (ufficialmente Coupe des Alpes) dove l'auto fu guidata da Donald Healey stesso e Ian Appleyard. Nel 1951 Peter Riley e Bill Lamb vinsero la Liegi-Roma-Liegi e nel 1951 Edgar Wadsworth e Cyril Corbishleyvinsero nuovamente la Coupe des Alpes. Altri piazzamenti degni di nota includono il 6° posto assoluto di Peter Simpson nell'Isle of Man Manx Cup Races del 1951. Con una Healey Silverstone, Franco Mosterts e Carlo Castelbarco Pindemonte Rezzonico si classificarono al 38° posto assoluto alla Mille Miglia del 1950.La produzione di Silverstone fu di 51 tipo "D" seguite da 54 tipo "E". Complessivamente, 105 Silverstone furono costruite tra il 1949 e il 1951 e fu un tale successo che portò ad un accordo con la compagnia americana Nash Motors. Alla fine della carriera venne sostituita dalla Nash-Healey.

L’auto

Questa macchina con telaio no. E94 è un bellissimo esemplare di Healey Silverstone del 1950, una delle sole 54 vetture della serie "E", che vantava diversi miglioramenti rispetto allla tipo “D” per renderla più efficace sul campo, come la presa d'aria sul cofano per un migliore raffreddamento del motore, un diverso tipo di parabrezza e un posto di guida più confortevole, adatto per i gentleman drivers del periodo. Ancora oggi, il motore bialbero Riley è molto potente e affidabile. L’auto con telaio no. E94 è in ottime condizioni e perfettamente originale in tutte le sue parti. Il colore della carrozzeria rossa e il nero degli interni corrispondono alla configurazione in cui fu acquistata da W.L. Birch, il 10 agosto 1950 presso J.C. Alexander LTD. La storia con i passaggi di proprietà è completa, questa Silverstone è stata pilotata da altri tre proprietari sul territorio inglese, partecipando a vari eventi, e dal 1982 al 2009 è stata esposta al Midland Motors Museum, in quell'anno è stata trasferita in Italia. L'auto è in condizioni stupende ed è stata completamente restaurata con una meticolosa attenzione ai dettagli. Viene fornito con la capote e un tonneau-cover. L'E94 ha una documentazione completa ed è presente in diversi libri storici. Ha il libretto inglese originale del 1950 e il certificato di garanzia consegnato al primo proprietario. Ha il certificato FIVA classificata A3 e CSAI per affrontare le gare di regolarità. Un'auto vincente ed estremamente divertente. Il marchio Healey è davvero decollato tra i collezionisti di tutto il mondo, contando molte iscrizioni alle gare. Grazie alle sue qualità, la Healey Silverstone è una presenza costante alle rievocazioni della Mille Miglia. La Silverstone è ora un'auto molto ricercata.Molte delle Silverstone che ancora esistono hanno subìto cambiamenti negli ultimi sessant'anni a causa di riparazioni accidentali, modifiche per le competizioni o desideri dei proprietari che hanno modificato le loro specifiche o caratteristiche originali di fabbrica. Quindi questa è una rara opportunità di procurarsene una originale.

Stato dell’Arte: Conservata dal 1982 al 2009 presso il Midland Motors Museum, in seguito completamente restaurata.


Bibliografia

  • Bill Emerson, The Healey Book, A Complete Story of the Healey Marque, Coterie Press, UK 2002.
  • Peter Garnier, Brian Healey, Donald Healey, My World of Cars, Patrick Stephens Ltd Ps, UK 1989.
  • Hervé Chevalier, Les Healey des Mille Miglia, Hervé Chevalier, France 2012.