1000 Finarte / Asta di automobili

Brescia, lunedì 13 maggio 2019

229

1928 Lancia Lambda Torpedo 8a serie tipo corto (Lancia)

Telaio no. 20145 - Motore no. 6863

  • Mille Miglia: eleggibile.
  • Mille Miglia: come anteguerra, ha il vantaggio di posizionarsi presto sulla linea di partenza
  • Mille Miglia: coefficiente eccellente di 1.75.
  • Meccanica restaurata e messa a punto da Vittorio Bernuzzi, Storicar. Lavoro documentato.
  • Eccellenti recenti risultati sportivi alla Mille Miglia

Certificati ed Attestati
Fia, Fiva.

Documenti
Immatricolazione e targhe italiane in ordine e aggiornate.

EleggibilitàMille Miglia. Eleggibile.In quanto anteguerra, ha il vantaggio di posizionarsi presto nell’ordine di partenza Coefficiente eccellente di 1.75.Giro di Sicilia. Eleggibile.Targa Florio. Eleggibile.Goodwood Revival. Eleggibile.Coppa d’Oro delle Dolomiti. Eleggibile.Vernasca Silver Flag. Eleggibile.California Mille: Eleggibile.Nürburgring Classic. Eleggibile.


Venduto € 291.175,00

  • Aggiungi ai preferiti

Provenienza

Il modello
Le sorprendenti innovazioni, per un'auto progettata e costruita alla fine degli anni Venti, comprendevano un telaio monoscocca, sospensioni anteriori indipendenti e ammortizzatori idraulici: in una certa misura la base della maggior parte delle auto moderne. Grazie al designer Battista Giuseppe Falchetto, le idee geniali di Vincenzo Lancia vennero tradotte in un progetto concreto. Degno di menzione anche il motore Lancia V4 in alluminio ad angolo stretto. Tutte e tre le cilindrate condividevano la stessa corsa lunga di 120 mm, per tutte lo schema era SOHC, con un singolo albero a camme in testa che serviva entrambe le bancate. Il primo motore aveva un angolo a V di 13°, il secondo 14° e il terzo di 13° 40'. Il motore, di 2,120 cc, fu progressivamente ingrandito, arrivando alla sua configurazione finale di 2.569 cc, 69 hp nel 1928. Le prime Lambda avevano cambio a tre marce, un cambio a quattro marce fu sviluppato nel 1925. Il progetto del motore Lambda, sotto la supervisione generale di Battista Falchetto, fu opera di un piccolo gruppo. Il responsabile era Primitivo Rocco, responsabile di tutti i progetti di motori Lancia, Augusto Cantarini e Quarello, terzo membro del gruppo. Le innovazioni tecniche della Lambda, la rendono ancora oggi molto piacevole da guidare. Impressionante, se si considera che si tratta di una vettura con 90 anni di storia e di vita.Anche dal punto di vista estetico, la Lambda era decisamente innovativa: il cofano anteriore è basso, rispetto alle vetture coeve dai musi imponenti, consentendo l'uso di un parabrezza più grande. Altra differenza: la capote, quando è aperta, scompare in uno spazio apposito, a differenza dalle convertibili dell’epoca in cui la capote, aperta, troneggiava ingombrante. La linea risulta così ancora oggi moderna, svelta ed elegante.La carriera sportiva di Lambda è stata limitata dalla determinazione del costruttore di farne un'auto da turismo, scegliendo cilindrate che erano poco adatte alle classi riconosciute dall'AIACR. Una serie di versioni speciali Lambda


Bibliografia

Oscar Capellano, Lambda, L’eccezionale, Lancia Club, Italia 2000.-Wim Oude Weernink, La Lancia, Motor Racing Pubblications, UK 1979.-Ferruccio Bernabò, Alfio Manganaro, Lancia Catalogue Raisonnè 1907-1990, Automobilia, Italia 1990.

Contatti

Automotive

Via Paolo Sarpi, 6 - milano
Tel: 02 33638028