Automotive: Finarte 2020 Selection + 1000 Finarte

Online, da mercoledì 28 a venerdì 30 ottobre 2020

16

1936 Packard Twelve coupé

telaio no. 904310, motore no. 904310

• Motore V-12.

• Matching numbers.

• Anteguerra sportiva ed elegante.

• CCCA Full Classic™.

• Restauro da concorso.


Stima

€ 120.000 - 180.000

Un utente ha offerto

La tua offerta è la più alta

  • Aggiungi ai preferiti

Il modello

La Packard Twelve era una gamma di automobili di lusso con motore V12 costruita dalla Packard Motor Car Company a Detroit, nel Michigan. L'auto fu costruita dal 1933 al 1939 succedendo alla Twin Six a dodici cilindri. Segno del cambiamento dei tempi: la maggior parte di Packard Twelve ebbero una carrozzeria standard, mentre le carrozzerie fuoriserie avevano progressivamente perso terreno. La famosa storica dell’automobile Beverly Rae Kimes descrisse le Packard Twelve degli anni '30 come "il massimo in termini di mezzi di trasporto provenienti dall’East Grand Boulevard" (sede storica e fabbrica Packard). Sebbene Packard avesse già prodotto un'auto pregiata, a dodici cilindri nota come la "Twin Six", la Packard Twelve offerta dal 1933 al 1939 divenne una delle automobili più apprezzate dell'era classica. L'introduzione della Packard Twelve nacque da esigenze di marketing e dallo sviluppo ingegneristico. Da quando Cadillac aveva introdotto un motore V-16 al New York Auto Show del 1930, alzando l’asticella per le auto di lusso, gli altri produttori dovettero dare una risposta adeguata. Il nuovo V-12 Packard era già in via di sviluppo da parte del campione di Indianapolis Tommy Milton e di Cornelius Van Ranst, per equipaggiare una Packard a trazione anteriore, dopo l'esperienza fatta con la Cord L-29. Il progetto a trazione anteriore era nato morto, ma Milton e Van Ranst furono pagati $ 10.000 per lo sviluppo del motore V-12 che rapidamente si fece strada in un nuovo modello Packard costruito sul telaio Deluxe a passo lungo. Il leggendario ingegnere capo Packard, Jesse Vincent, apportò una serie continua di sviluppi al nuovo motore e al telaio Twelve. Dalla 14^ serie di Packard nel 1936, il motore 473 c.i.d. (7756 cc) V-12 produceva 175 hp, solo 10 hp in meno rispetto al V-16 della Cadillac. Il motore venne abbinato a una trasmissione manuale sincronizzata a tre velocità. I freni meccanici assistiti su tutte e quattro le ruote erano standard, così come le ruote a raggi. La 14^ serie del 1936 fu in gran parte invariata dalla 12^ (non ci fu 13^ serie). Le uniche differenze erano un radiatore inclinato di altri cinque gradi, il regolatore della temperatura dell'olio venne ridisegnato. Nonostante le vendite in calo negli anni della Depressione, le Twelve furono proposte in quindici stili di carrozzeria di fabbrica nel 1936 su telaio lungo 139 pollici e 144 pollici. La produzione di Packard Twelve del 1936 ammonta a sole 682 auto. La coupé Twelve fu uno degli stili di carrozzeria più esclusivi offerti, progettato per il gentiluomo o la gentildonna, che desideravano guidare e godersi la potenza del motore V-12 per se stessi.

L’auto

La Packard Twelve (modello 1407) Coupé del 1936, con telaio no. 904310 è stupefacente allo sguardo ed è un esempio assolutamente eccezionale sia del telaio Twelve sia dello stile della coupé. Questa Packard è stata sottoposta alcuni anni fa a un completo restauro ed è in condizioni da concorso. Oggi l'auto è un'automobile meravigliosa per esposizioni o tour. L'auto è annoverata tra le CCCA Full Classic™. L'esterno presenta la grandiosità della imponente coupé e molte caratteristiche eccezionali. La vernice Cream è sottolineata da un profilo rosso scuro, corrispondente alle coppe delle ruote Packard cloisonné e si presenta in un bell'aspetto, così come le finiture cromate. Il lungo cofano è fiancheggiato da due ruote di scorta laterali racchiuse in gusci in tinta con la carrozzeria, ognuna sormontata da specchietto retrovisore. I lati del cofano presentano eleganti prese d'aria orizzontali in stile art deco che scorrono per la maggior parte della lunghezza del cofano evidenziate da sottili finiture cromate. Le particolarità includono gli sportelli chiudibili a chiave del vano per la sacca da golf, su entrambi i lati, le luci Trippe colorate in tinta con la carrozzeria, un accessorio installato dal rivenditore con approvazione Packard, e un portapacchi incernierato molto corretto. Un “sedile della suocera” appare inaspettatamente dalla parte posteriore della macchina. L'interno, molto bello, è rivestito in tela a pieghe marrone chiaro di alta qualità, mentre il sedile esterno è rivestito in pelle marrone chiaro. Il cruscotto presenta un quadro strumenti centrale cromato con una radio rotativa Packard art-deco. I montanti del parabrezza e del finestrino sono verniciati con un'eccellente finitura a venatura di legno e il lunotto posteriore può sollevarsi e abbassarsi per l'aria fresca, tramite una manopola. Un’elegante mascote sul cofano Cormorano Packard adorna il maestoso radiatore. Anche sotto il cofano la finitura e il dettaglio sono eccezionali, con il motore matching numbers verniciato in verde Packard con accessori neri e finiture placcate che include le viti a testa conica (21 per lato) molto impressionanti. Un'auto davvero eccezionale da guidare, il telaio n. 904310 è un eccellente esempio di Packard difficile da trovare che può essere goduta per molti anni con il minimo sforzo con aumento di valore. L'aspetto sia sportivo che di classe derivante dal colore, dalle rifiniture e dagli accessori rende questa una Packard che sarà accolta con entusiasmo sia nelle competizioni di eleganza che negli eventi competitivi.Stato dell’Arte Completamente restaurata.

 

Stato dell'arte 

Completamente restaurato.

Bibliografia

 

Certificati ed Attestati

ASI.

Documenti

Immatricolazione e targhe italiane nuove.

Eleggibilità

Giro di Sicilia.

Targa Florio.

Goodwood Revival.

Coppa d’Oro delle Dolomiti.

Coppa delle Alpi by 1000 Miglia.

Winter Marathon.

Nürburgring Classic.

Pebble Beach Concours d’Elegance.

Amelia Island Concours d’Elegance.

Chantilly Arts & Elegance Richard Mille.

Concorso d’eleganza Villa D’Este.

Contatti

Automotive

Via Paolo Sarpi, 6 - milano
Tel: 02 33638028