Il Dipartimento di Fotografia supera il mezzo milione di fatturato annuale

Dopo essersi confermata leader nel settore Automotive, anche nella Fotografia d’autore Finarte rimane la prima casa d’aste italiana con un fatturato nell’asta del 30 ottobre vicino ai  € 300.000.

Il catalogo, che si apriva con una sezione dedicata ai grandi maestri della fotografia italiana, ha visto un inizio dinamico e frizzante con 12 stampe di Mario Giacomelli aggiudicate, assestando il record italiano del fotografo marchigiano con l’opera Io non ho mani che mi accarezzino il volto a € 9.510.

Anche Nino Migliori, con ben cinque stampe su sette vendute, Franco Fontana e Luigi Ghirri vedono un’ottima percentuale di venduto e quest’ultimo aggiudica i lotti 1, 43 e 44 rispettivamente a € 4.470, € 13.900 € e € 8.880.

Altro record italiano lo stabilisce Francesca Woodman, con il prezioso Invito alla mostra “Immagini” del 1978 al lotto 60 battuto a € 10.140. Per la fotografa polacca Natalia LL Finarte resta la piazza principale e i lotti 70 e 71 dalla serie Performing Art, superano nettamente la stima massima, assestandosi ciascuno a € 6.990.Grande partecipazione di telefoni e piattaforme decretano il successo dell’opera En Route to New Orleans di William Eggleston, copertina del catalogo, che risulta top lot dell’asta e, partendo da € 7.000, si assesta a € 20.100. Tra gli stranieri spicca anche l’aggiudicazione del lotto 228, Elliott Erwitt California Kiss a € 5.603.

Dopo questo grande risultato ottenuto con la classica modalità di vendita all’incanto, attendiamo i risultati dell’asta a tempo sulla piattaforma Finarte, dal 2 al 16 dicembre, con l’obiettivo di avvicinare i giovani collezionisti al mondo delle aste di fotografia.

*Tutte le cifre indicate includono il buyer’s premium

Notizie relative