Dipinti Antichi e Arte del XIX Secolo

Roma, lunedì 25 novembre 2019


167 *

Gino Severini (Cortona 1883)

Ritratto della madre, 1907

pastello su cartoncino riportato su tela
cm 64 x 50

firmato, datato e dedicato in basso a destra: Siena / G. Severini MCMVII / a mia madre

Sul retro cartellino a stampa della “Mostra del Divisionismo Italiano” tenuta nel 1970 a Milano, con scritto autore e titolo.


Si allega dichiarazione di autenticità di Marina Severini Tagliareni in data 12 novembre 1969.


Venduto € 25.059,00

  • Aggiungi ai preferiti

Provenienza

Roma, collezione Tagliareni Severini;
Roma, collezione Russo, ivi acquisito dall'attuale proprietario.


Esposizione

1908, Parigi, 24ème Esposition de la Societé des Artistes Indépendants, n. 5584;
1961, Roma, Palazzo Venezia, Mostra antologica di Gino Severini, n. 5;
1965, Roma, Accademia di San Luca, Mostra di opere di Gino Severini, n. 2;
1970, Milano, Palazzo della Permanente, Mostra del Divisionismo Italiano, n. 114.


Bibliografia

G. Ballo, Preistoria del Futurismo, Milano 1960, p. 86, fig. 46;
G. Ballo, Boccioni: la vita e l'opera, Milano, 1964, p. 79;
P. Pacini, Severini, Firenze 1966, pp. 9, 25, tav. n. 2;
F. Bellonzi, Gino Severini, in "Notiziario d'arte", 1966, n. 3-4, p. 79;
F. Bellonzi, Il divisionismo nella pittura italiana, Milano, 1967, tav. LVII;
M. Calvesi, in L'arte Moderna, Milano 1967, vol. V, p. 95;
F. Bellonzi, T. Fiori, Archivi del Divisionismo, 1968, XXX, 13, fig. 2741;
Catalogo della Mostra del Divisionismo italiano, Milano, 1970, n. 144;
P. Pacini, Percorso prefuturista di Gino Severini. III, in Critica d'Arte, XII, fasc. 139, gennaio-febbraio 1975, p. 55, tav. 13;
M. Fagiolo dell'Arco, nota biografica a La vita di un pittore, pref. F. Menna, Milano, 1983, p. 12;
D. Fonti, Gino Severini. Catalogo ragionato, Milano 1988, p. 85, n. 45.


Gino Severini compie il suo apprendistato con Boccioni nella Roma di inizio secolo, sotto la guida e con la mediazione decisiva del già maturo Giacomo Balla, guardando soprattutto al divisionismo di Previati e Pellizza da Volpedo ma con uno sguardo attento alle esperienze figurative soprattutto francesi più aggiornate, esempi che risulteranno decisivi nel suo precoce superamento delle angustie intimiste e del naturalismo che ancora in quegli anni caratterizzavano la scena artistica italiana. La partenza per Parigi, nell'ottobre del 1906, è decisiva per imprimere alla ricerca del giovane artista una svolta determinante, grazie soprattutto al rapporto con le ricerche dei neoimpressionisti e dei loro immediati seguaci e al contatto diretto con il vivace ambiente dei teatri, dei cabaret e delle sale da ballo che costituirà la sua costante ispirazione negli anni successivi.

Questo ritratto a pastello, eseguito, insieme a quello del padre, durante un temporaneo soggiorno in Italia l'anno successivo, rivela ancora la profondità dell'influsso divisionista mediato dall'insegnamento di Balla, da cui deriva, insieme ad aspetti più squisitamente formali, l'attenzione al dato psicologico interiore, rivelato dalla particolare impaginazione della figura. All'interno di un ambiente domestico, probabilmente una camera da letto o un boudoir, come fa capire lo specchio da toeletta visibile sullo sfondo, la figura femminile appare immersa in una luce vibrante, proveniente da una finestra invisibile, che colpisce il largo fiocco di organza dai riflessi madreperlacei che si apre trasformandosi in veletta a coprire il volto e la testa. Il gioco dei riflessi e delle trasparenze è reso con rapidi filamenti di pastello bianco, celeste e rosa, mentre una sottile luminescenza si trasmette al viso della donna coronato da un cappello nero decorato da una piuma. Analogamente a quanto accadeva in quegli stessi anni nei ritratti familiari di Boccioni, la figura appare seria e assorta, psicologicamente isolata, in una posa sottilmente instabile, colta forse in procinto di alzarsi e uscire. La "divisione" dei toni è qui utilizzata da Severini con parsimonia, senza mettere a rischio la solidità della figura, ma mostra già quella briosa sottigliezza che gli anni parigini contribuiranno sempre più a mettere in luce.


Contatti

Arte del XIX Secolo

Piazza SS. Apostoli, 80 - roma
Tel: 06 87765655

Contatti

Dipinti e Disegni Antichi

Piazza SS. Apostoli, 80 - roma
Tel: 06 87765638